Cammino Inca 41 risultati
Percorsi 2 risultati
Rete del Cammino Inca (Qhapaq Ñan)
Clicca per votare articolo

La rete delle strade Inca è un sistema di strade che collegava i punti più importanti dell’immenso impero degli Incas. Questa rete di sentieri era chiamata ‘qhapac ñan’, parole in lingua quechua che significano ‘via del re o dei potenti’. Molte sezioni di queste strade continuano in buone condizioni e conservate da diversi paesi del Sud America. È considerato Patrimonio Culturale dell’Umanità dall’Unesco. Oggi, una parte di queste sezioni è il famoso percorso che termina a Machu Picchu.


Cos’è la rete dei sentieri Inca?

La rete di strade Inca, conosciuta in lingua quechua come ‘qhapac ñan’ (strada principale o sentiero dei potenti), è un immenso collegamento di sentieri Inca costruiti per la maggior parte dall’imperatore Pachacutec nel XV secolo.

Queste strade collegavano le principali città dell’impero con Cusco, la capitale dell’impero. Lo stesso Inca fu condotto dalla ‘città sacra’ ai vari punti dell’impero attraverso il qhapac ñan.

La rete delle strade Inca copriva parte dei territori degli attuali paesi del Perù, Bolivia, Ecuador, Colombia, Cile e Argentina. Per la loro importanza storica, sono attualmente considerati dall’Unesco ‘Patrimonio Culturale dell’Umanità’. Per questo motivo sono protetti e conservati per il futuro.


Qual era l’importanza del qhapac ñan?

Il qhapaq ñan è la parola che definisce il sistema viario della civiltà Inca. È la migliore prova dello sviluppo raggiunto dagli Incas nell’ingegneria civile. Vale la pena ricordare che questa rete di strade è stata costruita su uno dei territori più aspri del mondo. Riuscì ad attraversare le aspre montagne delle Ande e gli aridi deserti della costa sudamericana.

Questa rete di strade attraversava l’impero degli Incas con percorsi tracciati da nord a sud (da un capo all’altro) lungo la costa e attraverso le Ande. C’erano piccole sezioni per la popolazione comune. C’erano anche ampie sezioni dedicate alla regalità Inca. Le strade delle montagne avevano tratti completamente asfaltati mentre quelle della costa erano costruite semplicemente in terra.

Il famoso Cammino Inca per Machu Picchu è solo una parte di questa complessa rete di strade. Risali il bacino del fiume Urubamba fino alla città Inca, dopo aver tortuoso montagne difficili. Attualmente è considerato il miglior percorso escursionistico in Perù. Puoi visitarlo in quattro giorni attraverso un tour perfettamente pianificato.

I Qhapac ñan furono costruiti con lo scopo principale di mantenere in comunicazione un vasto territorio. Ciò ha permesso di mobilitare gli eserciti molto rapidamente. Serviva anche come via commerciale in una civiltà incline alla ridistribuzione e allo scambio. Un altro scopo estremamente importante era la culturalizzazione dei popoli appena conquistati. Va notato che queste strade furono costruite nel periodo espansionistico degli Incas.


Qual è la lunghezza di queste strade?

Al momento sono stati individuati più di 60mila chilometri di strade che formavano questa enorme rete. Ma gli studi effettuati rivelano che il qhapaq ñan sarebbe costituito da più del doppio di quello individuato in tutto il territorio sudamericano.


Mappa del Cammino Inca

Mapa Camino Inca

Cammino Inca


Qual era la sua funzione?

Il tracciato delle strade, oltre a collegare un paese all’altro, serviva a connettere la cultura dei paesi dell’epoca. Allo stesso modo, la sua funzione era quella di una via commerciale e di rotte strategiche di collegamento culturale tra le diverse città dell’immenso impero Inca. È così che sono state integrate le città Inca come: Vilcashuaman, Pumpu, Hatun Xauxa, Huánuco Pampa, Cajamarca, Quito, ecc.

Il qhapaq ñan mostra molte sezioni in cui ci sono due strade parallele in un percorso principale. Si sa che l’Inca, la sua corte ei suoi eserciti sarebbero passati attraverso uno di essi, mentre l’altro era destinato al popolo.

Allo stesso modo, questa rete stradale aveva una funzione commerciale in quanto riforniva diverse città di prodotti che venivano raccolti a diverse altitudini. Ad esempio, la città di Cusco è stata in grado di rifornirsi di: peperoncino, cotone, coca, mais, pesce, mullu e persino la famosa conchiglia spondylus.

camino inca

Cammino Inca – Intipunku


Come è progettato?

I qhapac ñan sono progettati in risposta alla geografia costiera e montana. Ci sono tratti in immense pianure aride fino alle montagne più aspre della catena montuosa delle Ande. Ci sono anche innumerevoli pendii, scogliere, montagne, pampa, paludi, gole e canyon. In molti casi i tratti più difficili sono stati risolti con ponti e strade dissestate.


Strade principali

I qhapac ñan erano costituiti da diverse sezioni longitudinali e trasversali. Tuttavia, le sezioni più lunghe e importanti erano due: il percorso longitudinale che attraversava le Ande e il percorso longitudinale che attraversava la costa desertica:

  • Le strade costiere : come indica il nome, questo percorso longitudinale correva lungo la costa dell’impero, dal sud dell’Ecuador al nord del Cile. Le strade hanno raggiunto 3.943 chilometri. Si stima che la larghezza minima misurasse 3,5 metri mentre la larghezza massima raggiungesse i 20 metri. Ha attraversato fino a 52 valli del Cusco inclusi importanti centri religiosi come Tambo Inga, Armatambo e Pachacamac. L’Inca Huayna Cápac fece costruire queste strade dopo aver conquistato Quito (Ecuador) nel XV secolo.
  • Le strade delle montagne : Questa strada fu inizialmente costruita dall’imperatore Pachacutec e terminata dai suoi successori Túpac Inca Yupanqui e Huayna Cápac. Questo percorso collega le attuali città di Quito (Ecuador) con Santiago (Cile) attraversando la difficile geografia delle Ande. In totale ha un’estensione di 5.658 chilometri. A causa delle pendici montuose, questo percorso è stato costruito con lastre di pietra, ponti, nonché centri amministrativi, tambos (centri di riposo per camminatori) e colcas (centri di cibo per camminatori). Le sezioni più strette erano larghe 3 metri. Le sezioni più larghe, diciotto metri.

Costruzioni lungo le strade

La difficile geografia sudamericana e le immense distanze percorse dai Qhapac ñan costrinsero gli Inca a costruire alcune strutture necessarie per il buon funzionamento delle strade.

  • I ponti : C’erano diversi ponti che permettevano di attraversare fiumi o spazi con abissi. Questi ponti potevano essere tessuti di paglia (l’icchu o paglia selvatica delle Ande) e si caratterizzavano per essere sospesi. E c’erano altri ponti che erano costruiti con tronchi d’albero, sostenuti da spalle di enormi blocchi di pietra. Degne di nota sono anche le ‘oroyas’, zattere di legno che venivano utilizzate per percorrere i laghi. Attualmente il ponte Queswachaka a Cusco è un esempio della tradizione dei popoli andini nella costruzione e manutenzione dei ponti Inca.
  • I tambos : queste costruzioni avevano la funzione di ricoveri e depositi di cibo, lana, legna da ardere, vestiario. Questi prodotti venivano conservati sia per le persone che viaggiavano che per le emergenze. Si stima che ci fossero tambos ogni 20 o 30 chilometri. Questi ospitavano i “chasquis” o emissari che erano giovani corridori che andavano di caseificio in fattoria portando i messaggi degli Inca attraverso un sistema di staffetta. Attraverso questo sistema si dice che un messaggio potrebbe arrivare da Cusco all’Ecuador in 10 giorni (circa 2.000 chilometri).

Le strade per Machu Picchu

Il Cammino Inca è la piccola rete di strade che collega le città di Cusco con la città Inca di Machu Picchu. Con la scoperta di questo sito archeologico nel 1911, è stata portata alla luce una parte di questa sezione del Qhapac ñan. Da allora questi sentieri sono stati apprezzati.

Per la sua posizione sulle pendici delle catene montuose, questa sezione del Cammino Inca è stata costruita seguendo le caratteristiche delle strade di montagna. Gli Inca fecero prima il tracciato della strada, poi le fondamenta del terreno con diversi strati di pietra e terra. Successivamente sono state realizzate la pavimentazione e il sistema di drenaggio. A causa della loro complessa costruzione, questi sentieri sono mantenuti in buone condizioni.

Questa sezione del Cammino Inca non è stata scoperta dagli spagnoli. Si ritiene inoltre che non gli abbiano dato l’importanza necessaria. In ogni caso, gli spagnoli non raggiunsero Machu Picchu, che, dopo essere stato abbandonato, si è nascosto negli anni nella fitta vegetazione. Anche il tratto da qhapac ñan alla città Inca subì la stessa sorte.


Il Cammino Inca oggi

Attualmente, la sezione di qhapac ñan che collega Cusco con Machu Picchu è stata valutata e adattata per essere percorsa dai turisti. È un percorso di quasi 40 chilometri che si percorre in 3 giorni e 3 notti. Il quarto giorno è dedicato alla visita di Machu Picchu.

A differenza di altri sentieri escursionistici a Cusco, il Cammino Inca per Machu Picchu è protetto dallo Stato peruviano. Ciò è dovuto al valore storico delle sezioni di qhapac ñan che attraversa. Pertanto, nessuna persona non autorizzata può percorrere le sue strade.

L’unico modo per ottenere questa autorizzazione e percorrere il Cammino Inca è noleggiare un tour tramite un’agenzia turistica autorizzata. Le agenzie turistiche gestiscono i permessi con il Ministero della Cultura del Perù e aggiungono un servizio di guida turistica, attrezzatura da campeggio, cibo, biglietti per Machu Picchu e altri servizi per il visitatore.

Attualmente ci sono molti turisti che vogliono fare il Cammino Inca a Machu Picchu. A causa dell’elevata richiesta di visitatori, i tour devono essere acquistati online con 6 o 7 mesi di anticipo. È il miglior sentiero escursionistico in Perù.

 

Di Inca Trail Machu Picchu – ultimo aggiornamento, 06-28-2021


Il Cammino Inca a Machu Picchu ha una quantità significativa di siti archeologici, distribuiti lungo il percorso.