Cammino Inca 39 risultati
Natura 3 risultati
Fauna del Cammino Inca
Clicca per votare articolo
fauna camino inca

Il Cammino Inca è un percorso ricco di avventura, storia, flora e fauna. Il Sernanp (Servizio Nazionale delle Aree Naturali Protette dallo Stato) ha segnalato circa 13 specie di pesci, 12 specie di anfibi, 22 specie di rettili, 423 specie di uccelli e 53 specie di mammiferi. Solo a Machu Picchu, meta finale del percorso, spicca la presenza di animali come lama, colibrì giganti, galli delle rocce e, a volte, il famoso orso andino.


Orso dagli occhiali

Il suo nome scientifico è tremarctos ornatus. È anche conosciuto come un orso andino. Abita foreste umide dove ci sono alberi e l’acqua è abbondante.

L’orso dagli occhiali è erbivoro (solo il 4% della sua dieta non è vegetariano). Ha abitudini solitarie. Può misurare fino a 2,2 metri su due gambe. È caratterizzato da macchie bianche intorno agli occhi. Per questa sua caratteristica riceve il nome.

Questo animale è legato a miti e leggende che lo considerano un “totem”. È legato ad alcune danze popolari andine, dove è conosciuto come ‘l’ukuku’, figlio di una principessa Inca con un orso.

L’orso dagli occhiali può essere visto durante il Cammino Inca. Non è un animale che di solito attacca l’uomo. Anche così, se ne incontri uno, è meglio allontanarsi e scattare foto a distanza.

Orso dagli occhiali
Orso dagli occhiali
 

Puma andino

Il suo nome scientifico è puma concolor. Abita quasi tutto il continente americano per il quale è conosciuto in modi diversi, a seconda della regione (è anche chiamato leone di montagna, leone americano o semplicemente puma).

Il territorio del puma andino si estende dal Canada fino alla fine delle Ande. Possono occupare anche territori sopra i 5.000 metri di altitudine e foreste tropicali sudamericane.

A differenza di altri felini come il leone, questo fa solo le fusa. La sua fonte di cibo sono camelidi, roditori e persino insetti. Nonostante l’invasione umana del suo territorio, il puma andino preferisce evitare il contatto con gli uomini.

Durante il Cammino Inca è molto raro imbattersi in un puma andino. Questi tendono ad allontanarsi dai percorsi fatti dagli uomini e ad occupare le zone montuose di Cusco. Nel caso in cui ne incontri uno, indietreggia lentamente, fai rumori e cerca di scacciarlo.

Puma andino
Puma andino
 

Cóndor andino

Il suo nome scientifico è vultur gryphus. È il secondo uccello più grande del pianeta, solo dopo l’albatro. In lunghezza può raggiungere 1,42 metri mentre ad ali spiegate può raggiungere i 3,30 metri di apertura alare.

Il suo habitat naturale sono le Ande (montagne del Perù, Ecuador, Bolivia, Colombia, Cile, Venezuela e Argentina). Si nutre principalmente di carogne. Si caratterizza per le sue grandi dimensioni, le ali nere e il suo grande senso dell’olfatto e della vista.

Il condor può percorrere grandi distanze in poco tempo, da altezze di 6 mila metri sul livello del mare fino alla costa del Pacifico. Attualmente è considerata una specie “quasi minacciata”.

Durante il Cammino Inca non è molto ricorrente apprezzare i condor sebbene sia possibile, soprattutto il primo giorno del viaggio.

Condor andino
Condor andino
 

Taruka o cervo andino

Il suo nome scientifico è Hippocamelus antisensis. È un cervo in via di estinzione che abita le scarpate andine. Si muove attraverso i boschi da 1.500 metri di altitudine a 3.200 metri.

È conosciuto come il cervo andino. È un animale snello che può raggiungere gli 80 centimetri di altezza e ha un pelo corto e piccole corna.

Usa i suoi zoccoli per scalare le foreste andine. Sono animali sfuggenti dalle persone. Possono vivere 14 anni.

Durante il Cammino Inca, soprattutto negli ultimi giorni di trekking, è possibile vederli nascosti tra i boschi. Tuttavia, questi animali spesso scappano rapidamente quando vedono gli umani.

camino inca Machu Picchu
Taruka o Venado Andino
 

Lupo di fiume

Il suo nome scientifico è lontra longicaudis. E ‘noto anche come Northwest Otter, Neo tropicale Lontra o Cane di acqua. Abita i possenti fiumi dell’America centrale e meridionale.

Questo mammifero carnivoro si trova nelle regioni montuose fino a 3.000 metri sul livello del mare. A Machu Picchu può essere visto nella stagione delle piogge quando nasce il fiume Urubamba. Il suo corpo raggiunge i 2 metri di lunghezza.

Il lupo di fiume è un animale minacciato a causa della depredazione del suo habitat a causa della crescita demografica e dello sfruttamento del legno.

Sul Cammino Inca può essere visto da lontano, appoggiato sulle rocce del fiume Vilcanota durante gli ultimi giorni del trekking.

Lupo di fiume
Lupo di fiume
 

Gallo delle rocce

Il suo nome scientifico è rupicola peruviana. È considerato l’uccello nazionale del Perù. Abita le regioni andine – tropicali del Sud America. Gli esemplari maschi hanno una colorazione rossastra e nera di grande bellezza.

In altri paesi sudamericani è anche chiamato ‘gallito de las sierras’ (Venezuela), gallo andino (Ecuador) o gallo di roccia andino (Colombia). Il suo nome è legato ai suoi nidi su scogliere rocciose lontane dai predatori.

Il gallo delle rocce è molto visto sulla strada da Aguas Calientes alle cascate del Mándor. È lungo 32 centimetri. Il maschio ha colori molto vividi tra il rosso, l’arancione e il nero, mentre la femmina è solo grigia. È un uccello solitario e silenzioso, durante la stagione degli amori circa 50 maschi si radunano sulle rocce per essere scelti dalla femmina.

Durante il Cammino Inca è possibile osservarli l’ultimo e penultimo giorno, sulle falesie montane nascoste tra la vegetazione.

Gallo delle rocce
Gallo delle rocce
 

Churrete reale

Il suo nome scientifico è cinclodes aricomae. Uccello endemico del Perù che abita le foreste di polylepis sui pendii delle scarse foreste tropicali e delle regioni montuose del Perù e della Bolivia. Predilige le regioni montuose da 3.500 a 4.800 metri sul livello del mare.

Ha un colore marrone con macchie bianche sugli occhi. Misura 22 centimetri ed è in grave pericolo di estinzione perché la sua popolazione è piccola.

Questo uccello è molto visto lungo il Cammino Inca e in tutto il Santuario Storico di Machu Picchu.

Churrete reale
Churrete reale
 

Anatra dei torrenti

Il suo nome scientifico è merganetta armata. È anche conosciuta come l’anatra del torrente o l’anatra della corrente. Abita i fiumi che scorrono veloci nelle Ande. Predilige altitudini comprese tra 1.500 e 4.500 metri sul livello del mare.

Nel Santuario Storico di Machu Picchu si osserva solitamente nella stagione delle piogge (tra novembre e aprile). Ha un piumaggio vistoso, becco rosso e zampe rosse nel maschio mentre giallastre nelle femmine. Misura tra 38 e 46 centimetri.

Durante il Cammino Inca è possibile osservarli da lontano sulle acque del fiume Vilcanota. Soprattutto a gennaio, febbraio o marzo.

Anatra dei torrenti
Anatra dei torrenti
 

Jergon andino

Il suo nome scientifico è Bothrops andianus. È una specie endemica di serpente velenoso. Gli adulti sono normalmente alti da 60 a 70 centimetri.

Abita le regioni montuose tropicali di Cusco e Puno in Perù. Predilige gli habitat tra i 1.800 e i 3.300 metri sul livello del mare.

Ha una colorazione marrone e piombo che li imita facilmente. Tuttavia, di solito non strisciano sui sentieri del Cammino Inca (sì nelle foreste ristrette per i visitatori). Nel caso in cui ne incontri uno, è meglio non disturbarla e continuare per la tua strada.

Jergon andino
Jergon andino
 

Rana andina

Il suo nome scientifico è telmatobius. È un genere di anfibi che conta più di 64 specie, molte delle quali endemiche. Abitano la catena montuosa delle Ande, principalmente nelle geografie montuose tropicali del Perù, Bolivia, Ecuador, nonché del nord del Cile e dell’Argentina.

Questa rana d’acqua misura da 53 a 67 millimetri. Ha una colorazione arancione. Vive in zone umide, sorgenti e torrenti. Nel Santuario Storico di Machu Picchu sono presenti diverse specie, molte delle quali in via di estinzione.

Lungo il Cammino Inca è possibile vederli, soprattutto nei torrenti nella stagione delle piogge (principalmente a gennaio, febbraio e marzo).


Colibrì gigante

Il suo nome scientifico è patagona gigas. Come suggerisce il nome, è il colibrì più grande del pianeta in quanto può raggiungere più di 18 centimetri. Esistono due sottospecie registrate: il colibrì gigante del Cile e dell’Argentina e il colibrì gigante peruviano.

Quest’ultima sottospecie abita le regioni tropicali andine come il Santuario Storico di Machu Picchu. Possono essere visti nelle regioni da 1.500 a 3.500 metri sul livello del mare. Spiccano il suo colore marrone e bianco. Il loro volo non è veloce come i comuni colibrì. Non è in pericolo.

Lungo il Cammino Inca è possibile apprezzare il colibrì gigante durante i quattro giorni di cammino.


Farfalle

Le farfalle ‘lepidoptera’ abbondano durante il Cammino Inca. Ci sono specie di molti tipi di colori. Si stima che nel Santuario Storico di Machu Picchu ci siano più di 500 specie di farfalle.

Sernanp riferisce che il 10% delle farfalle esistenti in Perù si trovano a Machu Picchu e al Cammino Inca. Sul percorso escursionistico si vedono maggiormente durante gli ultimi giorni di cammino (vivono preferibilmente tra i 1.800 e i 2.000 metri sul livello del mare.


Llamas

Il nome scientifico del llamas è Lama glama. Questo mammifero appartenente alla famiglia dei “camelidi” abita le regioni fredde e montuose delle Ande in paesi come Perù, Bolivia, Cile, Ecuador, Colombia e persino Argentina.

Llamas sono addomesticati. Gli Inca lo usavano come trasporto merci e per la qualità della sua lana. Anche la sua carne è commestibile.

Durante il Cammino Inca non sono visibili fino alla fine perché a Machu Picchu ci sono una ventina di lama che pascolano attraverso il sito archeologico. I turisti possono essere fotografati con uno, purché non li disturbi.

Llamas sono docili e curiosi animali che, come per avvicinarsi agli esseri umani. Tuttavia, se si sentono minacciati, si difendono sputando.

Llamas
Llamas
 

 

Di Inca Trail Machu Picchu - Ultimo aggiornamento, 30-07-2021


I percorsi del Cammino Inca sono circondati da bellezze naturali tipiche della Ceja de Selva e delle Ande.